FUTBOL
(STORIE DI CALCIO)

Autore: Osvaldo Soriano
Editore: Einaudi
Anno: 1983
IBSN: 88-06-140909-1



Il volume raccoglie diciannove racconti, di cui un lungo inedito, che rappresentano una vera galleria di personaggi indimenticabili, una immaginaria squadra composta da figure dolci e stralunate, patetiche e comiche, di certo assolutamente vive e affascinanti.
Se scrivere di calcio pu˛ apparire un po' restrittivo, se si pensa che i lettori debbano essere solo gli appassionati di questo sport, si sbaglia di grosso quando si parla di Soriano.
 La sua scrittura riesce a coinvolgere e ad appassionare anche chi non ha mai visto una partita, i suoi personaggi sono un po' veri e un po' fantastici, sempre e comunque vibranti di sensibilitÓ e di calore, ingenui e perfidi nello stesso tempo: l'aculeo piantato nel sedere del portiere per bloccarlo, e poi lý dimenticato, ne Ŕ un divertente esempio.
"L'eterna, e crudele imprecisione della parola" in questo scrittore si trasforma nella capacitÓ creativa di costruire immagini e veri ritratti che prendono anima, si agitano, quasi costretti dalla dimensione della pagina scritta a dare una qualche conclusione logica al loro agire , troppo spesso solo giustificato dall'allegria o dal puro piacere estetico, da un'idea che si scontra e frana a contatto con la realtÓ. Anche le brutture, e tante, che circondano gli uomini, regimi politici arroganti e violenti, una povertÓ storica e maledetta contro cui combattere quotidianamente, l'ipocrisia di tanti e la debolezza di molti, sono presentati da Soriano con la ribellione del giusto, ma anche con il disprezzo irridente di chi sa di essere altrove e di essere stato capace di non farsene contaminare .
Soriano aveva iniziato la sua carriera di calciatore, era anche una vera promessa, ma un incidente ne aveva interrotto l'ascesa tra i grandi del pallone. Per un ragazzo latino-americano il calcio spesso rappresenta l'unica possibilitÓ di riscatto, e proprio per questo c'Ŕ tanta affettuosa pietÓ per quei ragazzi che dal successo vengono travolti, e forse Ŕ proprio da questa considerazione iniziale che nasce tutta l'ammirazione per il mito del calcio argentino, Diego Armando Maradona.
Soriano, giocatore, giornalista, scrittore, grande conoscitore dell'Italia, ci lascia in queste pagine tutta la vivacitÓ di una persona sulla cui tomba, pare, in molti vadano ancora ogni giorno a chiacchierare, a scherzare, a lasciargli lettere e messaggi.